Hello Folks! Welcome to Our Blog.

Ci sono molti percorsi che portano al nostro vero sé. Gli esperti ci hanno nominato cinque tappe principali che ci permetteranno, guardandoci dentro, di aprirci più pienamente al mondo..

1. Fai pace con il passato

“NON SI TRATTA DI STABILIRE LA VERITÀ, MA COME RAPPORTI AD ESSA” Vincent de Goljak, sociologo

La nostra personalità contiene già le scelte che una volta sono state fatte dai nostri genitori e da tutti coloro con cui ci identifichiamo. Non possiamo diventare completamente noi stessi se siamo timidi o spaventati dall’eredità delle generazioni passate, ma ci vuole tempo per sbarazzarsi di questo fardello. Solo all’età di 30 anni iniziano a provare a vivere la propria vita, non confrontando i propri successi con i risultati dei loro genitori alla stessa età. Altri si liberano solo della vergogna di una madre o di un padre alcolizzato che ha abbandonato la famiglia a quarant’anni. “Essere reali” non è neanche facile perché, come afferma il sociologo Vinsent de Gaulejac, “l’individuo cerca di diventare il protagonista della storia che l’ha plasmato”. “Gli storici sanno che non c’è verità”, spiega. – Dopo tutto, la storia, soprattutto la nostra, è una narrazione, cioè una costruzione soggettiva, comprese le nostre opinioni soggettive. La cosa principale non è stabilire la verità, ma arrivare a una percezione calma di ciò che sappiamo “. Il nostro compito è considerare i fatti della vita dei nostri antenati e le loro azioni, usando i metodi della storia, della sociologia e della psicologia per questo. Questo lavoro ci permette di comprendere meglio le loro motivazioni e rimuovere l’aura di dramma da alcune delle loro decisioni. Possiamo scoprire perché c’è un segreto o una malattia mentale in famiglia e alleviare il senso di colpa che a volte la nostra storia familiare ci ispira..

2. Sforzati per l’auto-realizzazione

“LA VIA DELLA REALIZZAZIONE IN SÉ INIZIA CON LA FIDUCIA IN SE STESSI”. Tatiana Rebeko, psicoterapeuta junghiana

La riconciliazione con il passato è solo il primo passo. Anche percependo in modo sobrio e calmo te stesso e il tuo passato, puoi sentire di vivere ai margini della tua stessa vita. Come ammette la 38enne Ekaterina, non ha ancora trovato il caso che le permetterebbe di rivelarsi completamente. “L’individualità è qualcosa che è insito in ogni persona dalla nascita”, dice la psicoterapeuta junghiana Tatiana Rebeko. “Questo è qualcosa di unico e irripetibile che è in ognuno di noi. Trovare te stesso, trovare il senso della vita, realizzare te stesso è l’obiettivo di ogni ricerca esistenziale. Le crisi, i problemi che dobbiamo affrontare, segnalano in quale direzione dobbiamo muoverci, dove sono le nostre debolezze. È importante trattare i tuoi problemi come aiutanti e credere nello scopo della tua vita. Il percorso di autorealizzazione inizia con la fiducia in se stessi, nei propri sentimenti, esperienze e sogni. ”Quando sentiamo che il nostro lavoro non ci dà l’opportunità di realizzare le nostre aspirazioni più profonde, perdiamo l’entusiasmo, la voglia di creare, e quindi il gusto per la vita. Se ci accontentiamo di seguire allegramente le istruzioni degli altri, rischiamo di cadere in depressione. Per avvicinarsi alla comprensione di te stesso, vale la pena riflettere su quattro aspetti della vita professionale: talento (cosa sai fare bene), passione (cosa ti piace fare), necessità (obblighi che devo prendere in considerazione) e significato (il lavoro si adatta alle mie convinzioni). Analizzando questi fattori per noi stessi, possiamo trovare una o più aree in cui si collegano tutti. Se ci riusciamo, riceveremo grande soddisfazione dalla coincidenza tra il desiderato e il reale, il nostro mondo interiore e la nostra attività pratica..

3. Lavora con le emozioni

“TRATTA LE TUE EMOZIONI COME UN MESSAGGIO CHE DEVE ESSERE DECODIFICATO”. Boris Shapiro, psicoterapeuta familiare

Un altro modo per entrare nelle profondità del nostro “io” sono le nostre emozioni. Dovresti essere particolarmente attento a loro quando, a prima vista, sembrano inadeguati: tutto sembra essere in ordine, ma ci sentiamo improvvisamente tristi, o proviamo un’ansia inspiegabile. “Ho un grande controllo su me stesso e posso comportarmi in modo molto uniforme, senza mostrare il minimo segno di tristezza o rabbia”, dice Pavel, 29 anni. “Il problema è che non mi ascolto e imparo solo i miei sentimenti al momento dell’esplosione.” Se le emozioni ci travolgono, vale la pena pensare: cosa vogliono dirci? È più corretto non reagire subito a qualcosa che ci ha toccato e aspettare il momento in cui possiamo tradurre le emozioni in parole. “Devi fidarti delle tue emozioni”, dice il terapista familiare Boris Shapiro. – Sono molto più accurati delle riflessioni, possono spiegarci come ci relazioniamo a ciò che sta accadendo nella nostra vita. Quando siamo felici o tristi, sorpresi o arrabbiati, i nostri sentimenti hanno necessariamente una ragione. ” Le emozioni spesso esprimono bisogni che ignoriamo: essere compresi, ricevere riconoscimento e rispetto. “Le emozioni dovrebbero essere prese sul serio”, continua Boris Shapiro, “per pensarle come un messaggio che dovrebbe essere decifrato”.

4. Impara a esprimere la tua verità

“ESSERE VERO NON SIGNIFICA PARLARE TUTTO”. Svetlana Krivtsova, psicoterapeuta esistenziale

Ci viene insegnato fin dall’infanzia a dire la verità, ma spesso dimentichiamo che ognuno ha la propria e che non è così facile esprimerla. Daria, 33 anni, dice che in gioventù si è fatta valere, dicendo assolutamente tutto ciò che le veniva in mente: “Spesso le mie parole erano offensive e indecenti. Be ‘, lascia che sia, ho pensato, ma io sono una persona integra, non mi tradisco “. “Essere sinceri non significa dire tutto”, commenta la psicoterapeuta esistenziale Svetlana Krivtsova. – Puoi parlare dell’esperienza che vedi nell’altro, o dell’impressione che ti fa. Anche questo sarà vero, ma non farà male a un altro “. A volte dire la verità significa passare attraverso una sorta di iniziazione: quando diciamo non quello che ci si aspettava da noi, ma quello che sentiamo, rendendoci conto di quanto caro dovrà pagarlo. Dire al tuo capo che non sei d’accordo con lui e preparati a non andare in vacanza d’estate. Sapendo allo stesso tempo che hai dei figli e loro hanno la loro verità: vogliono trascorrere le vacanze con i loro genitori La veridicità richiede un certo sforzo, sia nella scelta della forma che in termini di significato della nostra affermazione. Dobbiamo cercare parole che riflettano i nostri pensieri o il nostro stato, nel rispetto di colui a cui queste parole sono rivolte. In termini di forma, dovremmo cercare di parlare prima di tutto di noi stessi, e non dell’interlocutore, di usare “io” piuttosto che “tu”, perché i nostri sentimenti sono l’unica verità a nostra disposizione. E infatti, dalle nostre dichiarazioni, dobbiamo ammettere la nostra vulnerabilità, ciò che la società considera debolezza. La veridicità sui nostri difetti (ma senza autocommiserazione e ammirazione di sé) dona bellezza alla nostra personalità se non li nascondiamo, ma cerchiamo di risolverli..

5. Decidi una relazione intima

“Affinché la comunicazione porti alla comprensione di voi stessi e degli altri, dobbiamo vincere la paura del giudizio.” Anna Varga, psicoterapeuta familiare

La prossimità è il campo in cui ritrovarsi, perché implica la capacità di far entrare un’altra persona nel nostro territorio senza fingere e non percepirlo come un invasore. Al contrario, dobbiamo decidere di entrare nel territorio dell’altro per accettarlo e amarlo così com’è. “Vivere insieme mi aiuta a essere me stessa”, dice Victoria, 34 anni. “Ma, forse, c’è anche un rapporto inverso: proprio perché ho imparato ad accettarmi, ho potuto decidere una vita insieme al mio amico.” “È importante capire quali sentimenti, stati e bisogni sorgono in noi durante la comunicazione. Spesso, la cosa principale diventa il desiderio di compiacere, e quindi guardiamo da vicino l’interlocutore, lo “calcoliamo”, – dice la psicoterapeuta di famiglia Anna Varga. – E si scopre la via per lui, e non per te. ” Affinché una relazione sia veramente intima, devi parlare ad amici e familiari dei tuoi veri pensieri, sentimenti e desideri. La sincerità richiede fiducia (sia verso il prossimo che verso te stesso) e allo stesso tempo la rafforza. “Ma ascoltarsi e capirsi non è sempre facile”, continua Anna Varga, “bisogna fare uno sforzo per questo. È impossibile capire chi sei senza feedback e, per riceverlo, devi aprirti agli altri. Affinché la comunicazione porti davvero alla comprensione di se stessi e degli altri, è necessario superare la paura della condanna e accettare che incomprensione, delusione e malcontento sono anche vicinanza “. La comunicazione non sarà reale senza sincerità..

Rapporto tra ragazzi e ragazze